Storia per gente fantasiosa

C’è questo tizio che non ha niente di particolare, mi segui? Tranne forse che è brutto. Se ne sta zitto tutto il tempo durante la festa e nessuno sa cosa gli passi per la mente. Ho chiesto agli altri, non lo ricordano, non sanno nemmeno se è stato tutta la sera poggiato alla parete. Tappezzeria, capisci? Uno di quelli che chissà come c’è arrivato alla festa. Che poi: se ti imbuchi non fai tappezzeria, mi sembra ovvio, ti imbuchi per fare casino tanto che ti frega, invece no, tappezzeria. Un fantasma. Magari gli stava antipatica la gente, non lo so. Insomma questo tipo inutile, che non si sa neanche con chi ha parlato, doveva essere appoggiato al muro quando quello stronzo si è messo a far battute ad Anna. Ad Anna! Che devi essere proprio come quello stronzo per farci sopra una battuta. E allora la tappezzeria che fa? Si avvicina e gli dà un cazzotto sul naso. Sì, il tizio invisibile che rompe il naso a quello stronzo. E via all’ospedale. C’era tutto sangue e tappezzeria se ne va in bagno dicendo scusate mi devo lavare la mano. Scusate mi devo lavare la mano? Ma che significa? Solo che c’era lo stronzo per terra e mica lo sapevamo se era morto oppure no, qualcuno voleva chiamare la polizia, ma la polizia per difendere lo stronzo… alla fine non l’ha chiamata nessuno. Che poi si è rialzato e lo voleva andare a picchiare, questo prima di andare all’ospedale. Diceva: Lasciatemi! Dove sta? E gli colava il sangue sulla maglietta. Poi quando qualcuno è andato al bagno a controllare abbiamo scoperto che se n’era andato. Mica si doveva lavare le mani. Ha fatto finta di andare in bagno, ha preso e se n’è andato. Anche se poi ho pensato: va a finire che lo ritroviamo al pronto soccorso che col cazzotto che gli ha dato si è rotto la mano. Invece poi al pronto soccorso non c’era. Secondo me è andato a casa a ridere e a mettersi il ghiaccio sulla mano. E nessuno sa chi era. Uno potrebbe pensare a qualche supereroe: compare a una festa difende gli indifesi e non lo conosce nessuno. Io, però, un supereroe così brutto non l’ho mai visto. Ci pensi?

m4s0n501
  • Una ricerca continua

Il sole, la pizza e i perché

|0 Comments

Vorrei che i protagonisti dei film precipitassero tutte le volte che saltano da un palazzo all’altro. Quindici piani di caduta libera per finire spiaccicati sull’asfalto come una pizza. Sarebbe decisamente più istruttivo. (E se proprio non si può ogni volta, che succeda, almeno, ogni tanto.) Il fatto è che loro sanno esattamente dove mettere i piedi: sul ciglio di una […]

m4s0n501
  • calzini inquietanti

La fiaba del pitone nel cassetto di calzini

|0 Comments

Marco un giorno trovò un uovo – un uovo immenso – e divenne felice. Non capita tutti giorni di trovare un uovo così bello. Lo prese e lo portò a casa, indeciso se farne subito una gran frittata. Alla fine preferì metterlo nel frigo in bella vista sul ripiano.
Marco visse con l’uovo alcune splendide settimane. Ogni giorno, più volte al giorno, […]

m4s0n501
  • il palazzo quadrato

Il Palazzo

|0 Comments

Ne è passato di tempo da quando ho chiesto di scegliere tra quattro foto la migliore per la futura copertina del racconto Il Palazzo, l’ultimo delle Cronache dalla Città. Adesso che  finalmente il racconto è uscito ed è acquistabile per Kindle (ma potete leggerlo su iPad, iPhone, sistemi Android  e PC semplicemente usando l’applicazione Kindle gratuita), adesso che è uscito […]

m4s0n501
  • su uno scoglio

L’arte di attendere

|0 Comments

Se c’è qualcosa in cui sono bravo è attendere. Non credo di essere nato bravo, forse avevo una predisposizione, non so. Sta di fatto che ora sono qui, fermo, e non ho nessuna intenzione di muovermi. Di tutte le illusioni che ho incontrato quella di cambiare le cose mi sembra la più grande. Perché sono le cose, gli eventi, che […]

m4s0n501
m4s0n501